Loading...

COMUNICAZIONI ORGANISMO DI MEDIAZIONE relative all'attuale stato di emergenza CODIV-19

6/11/2020
L’attività dell’Organismo di Mediazione, prodromica all’eventuale tutela dei diritti in sede giurisdizionale, non è sospesa dai provvedimenti nazionali e locali volti a contenere il contagio da Covid-19.
Gli incontri già fissati, pertanto, sono confermati nel rispetto del protocollo operativo anticontagio Covid-19.
Per i procedimenti che coinvolgono più parti composte da un unico centro di interesse è opportuno il rilascio di delega a una sola di esse; nel caso di pluralità di difensori, si evidenzia l’opportunità che ne intervenga uno per ciascuna parte.
Si raccomanda alle parti e ai rispettivi difensori di valutare l’opportunità di svolgimento in modalità telematica, modalità che presuppone il consenso di tutte le parti.

La Responsabile dell’Organismo di Mediazione
Avv. Monica Magrini

*-*-*-*-*-*-*-*-*

29/5/2020 - RIPRENDE L’ATTIVITA’ DELL’ORGANISMO CON GLI INCONTRI DA REMOTO
Care Colleghe e cari Colleghi,

anche l’attività dell’Organismo di Mediazione riprende con la fissazione degli incontri a suo tempo sospesi per via dell’emergenza sanitaria e di quelli per le mediazioni depositate durante il periodo del confinamento, ricevute e lavorate in remoto dal personale dedicato.

L’art. 83, comma 20, del D.L. 17.3.2020 n. 18 convertito con modifiche dalla legge 24.4.2020 n. 27 offre l’alternativa della mediazione in via telematica “in ogni caso”, quanto meno fino al 31.7.2020, purché vi sia il consenso di tutte le parti coinvolte nel procedimento

L’Organismo di Mediazione ha pertanto adottato un protocollo per la regolamentazione degli incontri che si terranno da remoto fino al 31.07.2020 attraverso la piattaforma “Zoom”, se vi è il consenso di tutte le parti.

In difetto di consenso di tutte le parti alla modalità telematica, gli incontri si potranno tenere in presenza presso gli uffici dell’Organismo nel rispetto del protocollo anti-contagio approvato dal Consiglio dell’Ordine, che nello specifico prevede la partecipazione di un massimo di 4 persone oltre al mediatore: se i partecipanti dovessero essere più di 4 l’incontro verrà rinviato a data successiva al 31.07.2020

Per quanto concerne l’incontro in modalità remoto, regolamentata nell’apposito protocollo, nel caso in cui avvocato e parte non fossero collegati dallo stesso luogo, consigliamo di accertare preventivamente che la parte sia dotata, oltre che del dispositivo adeguato per partecipare alla mediazione, degli strumenti per ricevere via e-mail, stampare e sottoscrivere il verbale ed inviarne via e-mail la scansione al proprio difensore, che certificherà l’autografia ex art. 83, comma 20bis, del predetto D.L. nel testo approvato con la legge di conversione, salvo che la parte non sia già dotata di firma digitale.

Per le domande di mediazione che verranno depositate è stato integrato il modello già pubblicato sul sito con una dichiarazione “ad hoc” nel settore “accettazione regolamento e dichiarazioni” mentre per quelle in precedenza proposte anche la parte istante dovrà fare una dichiarazione integrativa, al pari di quella chiamata, da depositare all’Organismo almeno una settimana prima dell’incontro. (Modulo di adesione alla mediazione da remoto)

Per gestire correttamente le mediazioni in presenza, nel rispetto delle prescrizioni sanitarie, occorrerà attenersi al protocollo anti-contagio Covid-19 approvato dal Consiglio dell’Ordine e già pubblicato sul sito, il che sarà possibile solo grazie alla massima collaborazione da parte degli interessati, parti, avvocati e mediatori.

Confidiamo soprattutto nel Vostro senso di responsabilità affinché, nell’interesse di tutti, vengano  osservate le indicazioni del Consiglio dell’Ordine sia con riferimento al numero massimo di soggetti la cui presenza fisica è ammessa – anche eventualmente attraverso il ricorso a deleghe ad hoc da rilasciare da parte di uno dei clienti agli altri che rivestano analoga posizione (per esempio, comproprietari, coeredi et similia) - sia quanto al rispetto degli orari (il ritardo oltre i 10 minuti comporterà la rinuncia all’incontro) ed alla durata degli incontri stessi, al presente circoscritta ad un tempo massimo di 40 minuti.

Siamo certi che con il contributo di tutti il servizio potrà essere pienamente attivo e fruibile, arricchendosi dell’esperienza della mediazione online e soddisfacendo così al meglio le domande dell’utenza, nella direzione di una completa ripresa di tutte le attività.

Cordiali saluti.

La Responsabile dell’Organismo di Mediazione
Avv. Monica Magrini
 

*-*-*-*-*-*-*-*-*

9/04/2020
Care Colleghe e cari Colleghi,
alla luce delle disposizioni di cui all'art. 36 D.L. 8.4.2020 n. 23 gli incontri di mediazione calendarizzati nel periodo tra il 16.4.2020 e l'11.5.2020 verranno rinviati a data da destinarsi.
Resta invariata la possibilità di inoltrare domande di mediazione all'Organismo a mezzo pec.

La Responsabile dell’Organismo di Mediazione
Avv. Monica Magrini



*-*-*-*-*-*-*-*-*

25/03/2020
Care Colleghe e cari Colleghi,
il D.L. 17.3.2020 n. 18 ha previsto, art. 83, comma 2,  la sospensione dei termini dal 9.3.2020 al 15.4.2020 per il compimento di qualsiasi atto dei procedimenti civili e penali tra i quali, espressamente, quelli per la proposizione degli atti introduttivi del giudizio e dei procedimenti esecutivi, per le impugnazioni e, in genere, tutti i termini procedurali.
Ha inoltre previsto – sempre art. 83, comma 8 – che ove nel successivo periodo dal 16.4.2020 al 30.6.2020 (quello nel quale la gestione dell’attività giudiziaria sarà regolata dai capi degli uffici, a determinate condizioni e secondo particolari criteri) vengano adottati provvedimenti che precludano la presentazione della domanda giudiziale sia sospesa la decorrenza dei termini di prescrizione e di decadenza dei diritti che possono essere esercitati esclusivamente mediante il compimento delle attività precluse dai provvedimenti medesimi.
Per il periodo dal 9.3.2020 al 15.4.2020 (sempre art. 83, comma 20) sono inoltre sospesi i termini per lo svolgimento di qualunque attività nei procedimenti di mediazione, ai sensi del D. Lgs. 28.3.2020 n. 28, quando i predetti procedimenti di mediazione siano stati promossi entro il 9.3.2020 e quando costituiscono condizione di procedibilità della domanda giudiziale. Sono conseguentemente sospesi i termini di durata massima dei medesimi procedimenti.
Dunque, al presente l’attività dell’Organismo di Mediazione dell’Ordine degli Avvocati di Bergamo è sospesa quanto allo svolgimento degli incontri, che verranno rifissati dandone comunicazione ad hoc agli interessati; prosegue, viceversa, quella di ricezione delle domande di mediazione che vengono inviate via pec dagli utenti, domande che vengono processate in smart working e per le quali, parimenti, verranno calendarizzate le fissazioni degli incontri non appena sarà possibile ipotizzarne la ripresa.

La Responsabile dell’Organismo di Mediazione
avv. Monica Magrini

*-*-*-*-*-*-*-*-*

Con decreto 12.10.2012 il Ministero della Giustizia ha disposto l’iscrizione dell’Organismo di Mediazione Forense del Consiglio dell’Ordine degli Avvocati di Bergamo al registro degli organismi abilitati a svolgere la mediazione di cui all’art. 3 del D. M. 18.10.2010 n. 180 al numero progressivo 951.

Per quanto sia sopraggiunta, pochi giorni dopo, la sentenza della Corte Costituzionale che ha dichiarato la illegittimità costituzionale della mediazione obbligatoria per eccesso di delega legislativa, è convinzione del Consiglio dell’Ordine che l’attivazione dell’Organismo di Mediazione sia comunque opportuna sia per soddisfare eventuali domande di mediazione facoltativa sia nella prospettiva, tutt’altro che remota, che il legislatore disciplini nuovamente, seppure con i correttivi che si riterranno indispensabili anche alla luce della motivazione della sentenza della Corte Costituzionale, in corso di deposito, ipotesi di mediazione obbligatoria.

Attualmente, l’Organismo di Mediazione Forense può avvalersi della collaborazione di trentasei mediatori (vedi ELENCO MEDIATORI)

Alleghiamo inoltre il prospetto degli onorari per i mediatori con la precisazione che, nel caso di mediazioni che coinvolgano anche soggetti che hanno diritto al patrocinio a spese dello stato, si renderà applicabile l’art. 9 del regolamento stesso.


Responsabile ODM

Avv. Monica Magrini

Contatti

Segreteria Organismo di Mediazione

Piazza Dante, 2 - Palazzo della Procura della Repubblica

24121 Bergamo

vedi mappa

Tel. 035 243132 (interno n. 1)
Fax  035 235135

organismodimediazione@avvocatibergamo.it
mediazione@bergamo.pecavvocati.it

Orari di ricevimento:

Lunedì, Martedì e Giovedì:  dalle ore 10.00 alle ore 12.00
Mercoledì e Venerdì:  CHIUSO

GLI INCONTRI DI MEDIAZIONE SONO SOSPESI FINO ALL'11 MAGGIO 2020 

ADESIONE ALLA MEDIAZIONE:

Chiediamo di comunicare alla Segreteria dell'Organismo di Mediazione (tramite pec: mediazione@bergamo.pecavvocati.it, mail: organismodimediazione@avvocatibergamo.it oppure  fax 035/235135) con un preavviso di almeno cinque giorni rispetto alla data dell’incontro, il nominativo delle persone che vi parteciperanno, ricordando l’obbligatorietà della assistenza legale e la presenza personale delle parti.


Allegati

Elenco dei Mediatori ODM COA Bergamo
Onorari dei Mediatori

Modalità di pagamento - IBAN

Regolamento di Mediazione e Statuto ODM del COA di Bergamo

Aggiornati al 12/05/2015
Regolamento di Mediazione
Atto Costitutivo e Statuto

Protocollo per incontri da remoto valido fino al 31.07.20
Protocollo 28.05.2020

Domande di Mediazione

Le domande possono essere inoltrate tramite pec all'indirizzo: mediazione@bergamo.pecavvocati.it

oppure depositate presso la segreteria dell'Organismo di mediazione sita nello stabile in cui ha sede la Procura della Repubblica, in piazza Dante, 2 Bergamo

Domanda di Mediazione obbligatoria
Domanda di Mediazione non obbligatoria
Delega per Mediazione
Modulo di adesione alla mediazione da remoto

Si chiede la cortesia di allegare, unitamenente alla Domanda di Mediazione, copia della carta d’identità e del codice fiscale della parte istante, nel caso di società copia della visura camerale.

Per le parti in mediazione che possiedono la partita iva indicare il codice univoco F.E. e la pec