Loading...

Comunicazione per i praticanti - Decreto Legge n.22/2020

Home / Comunicazione per i praticanti - Decreto Legge n.22/2020

Comunicazione per i praticanti - Decreto Legge n.22/2020

10/04/2020
Gentili Dottoresse e gentili Dottori,
è stato pubblicato il DL n.22 del 08.04.2020 che apporta le auspicate deroghe al DM 70/16 che regola lo svolgimento della pratica forense (Decreto n.22/2020).
In particolare l’art. 6 comma 3 prevede che il semestre di praticantato in cui è ricompreso il periodo 9 marzo – 11 maggio 2020 può essere validato anche se il praticante ha partecipato ad un numero inferiore di 20 udienze.
Pertanto se questo correttivo fa venire meno la ragione per cui alcuni praticanti hanno chiesto ed ottenuto la sospensione della pratica, rappresento a loro che possono comunicare al Consiglio che riprendono a svolgere la pratica.
Il decreto prevede anche una riduzione della durata del tirocinio a 16 mesi, anziché 18, ma solo per i praticanti che hanno conseguito la laurea in giurisprudenza nell’ultima sessione dell’Anno accademico 2018/2019, come prorogata fino al 15.06.2020 per effetto dell’articolo 101, comma 1, primo periodo, del DL n. 18/2020.
Infine il decreto sospende per 60 giorni anche i termini per gli esami di Stato per l’abilitazione all’esercizio della professione forense, così che le commissioni potranno proseguire nella correzione delle prove scritte senza incorrere in alcuna decadenza.
I più cordiali saluti.

La Presidente
Avv. Francesca Pierantoni

*****

16/03/2020
Gentili Dottoresse e gentili Dottori,

siamo consapevoli del fatto che l’emergenza Coronavirus ha pesantemente investito anche il Vostro percorso formativo, siccome al momento vi è l’oggettiva impossibilità di partecipare alle udienze e la limitazione alla frequentazione dello studio.

Se il problema della frequentazione dello studio può trovare soluzione con la premura del Vostro dominus nell’affidarvi l’esame di questioni giuridiche o la stesura di atti da remoto, resta l’oggettiva impossibilità di partecipare alle udienze, fattore che desta in Voi comprensibile preoccupazione.

Al momento non è stata adottata alcuna deroga al DM70/16 che disciplina le modalità di tirocinio, ma nell’attuale situazione in continua evoluzione non è escluso che ciò avvenga.

Tuttavia desideriamo farvi sapere fin d’ora che se anche non dovesse intervenire alcuna deroga, data l’eccezionalità delle circostanze, valuteremo con la massima attenzione ogni singolo caso e siamo favorevole a concedere la possibilità di recuperare nel semestre successivo le udienze che potrebbero mancarvi al termine del semestre corrente.

Ci rendiamo conto che detto correttivo non sarebbe utile per coloro che stanno terminando l’ultimo semestre e non hanno la prospettiva di un tempo sufficientemente ampio per raggiungere il minimo di 20 udienze richieste: per questo motivo, soprattutto a chi si trova in questa situazione, ricordiamo che l’art. 7 del DM 70/16 consente di ottenere la sospensione del tirocinio che potrà essere ripreso non appena la situazione sarà migliorata, senza che lo slittamento della compiuta pratica faccia venire meno la possibilità di sostenere l’esame di Stato nella prossima sessione.

I più cordiali saluti.

La Presidente
Avv.Francesca Pierantoni